APERTURA STRAORDINARIA DEL SISTEMA MUSEALE DI ATENEO

Palazzo degli Istituti Anatomici in Corso Massimo d’Azeglio 52, Torino
29 settembre 2017
Dalle 18.00 alle 24.00

Il Museo di Anatomia umana “Luigi Rolando”, il Museo di Antropologia criminale “Cesare Lombroso” e il Museo della Frutta “Francesco Garnier Valletti” rappresentano un nuovo polo museale scientifico nella città, situato nel Palazzo degli Istituti Anatomici al Valentino. In occasione della Notte Europea dei Ricercatori il Palazzo sarà straordinariamente aperto dalle 18.00 fino a mezzanotte, con una ricca proposta di attività realizzata dai Musei in collaborazione con ospiti speciali: il Museo di Antropologia ed Etnografia, l’ASTUT – Archivio Scientifico e Tecnologico dell’Università di Torino e il Museo di Scienze Veterinarie.

Dalle 18 alle 24 sarà attivato un servizio gratuito di due navette che faranno la spola, ogni 30 minuti circa, da piazza Castello al Palazzo dei Musei (stop in corso Massimo d’Azeglio 52). L’ingresso è gratuito.

 

ATTIVITÀ PROPOSTE:

TRA SCIENZA STORIA E ARTE FINO A MEZZANOTTE

Proposto da Museo di Anatomia, il Museo Lombroso e il Museo della Frutta

Laboratori per la realizzazione di calchi in gesso adatti al pubblico di tutte le età e visite guidate dei Musei fino a mezzanotte, che partiranno man mano che si formeranno gruppi (massimo 20 persone).

Contatti: Cristina Cilli – cristina.cilli@unito.it

 

METTIAMO ALLA PROVA LA NOSTRA FORZA!

Proposto da ASTUT – Archivio Scientifico e Tecnologico dell’Università di Torino

L’Archivio Scientifico e Tecnologico dell’Università di Torino sfida il pubblico di tutte le età, proponendo di mettersi alla prova per misurare la propria forza e la fatica muscolare utilizzando vecchi strumenti presenti nei propri magazzini.

Contatti: Mara Fausone – mara.fausone@unito.it

 

SCHELETRI IN MUSEO

Proposto dal Museo di Antropologia ed Etnografia

Con l’ausilio di supporti didattici verranno svolte attività ludiche volte a far conoscere la ricerca in Antropologia fisica condotta su reperti umani antichi provenienti da scavi archeologici. L’attività è adatta da 8 anni in su.

 

Contatti: Rosa Boano – rosa.boano@unito.it

 

STORIA E RICERCA NEL MUSEO DELLA VETERINARIA

Proposto dal Museo di Scienze Veterinarie

La ricerca scientifica ha fortemente contribuito a migliorare le condizioni di vita degli animali, favorito il loro benessere e sviluppato nuove tecniche di cura. In particolare lo studio delle patologie animali, sempre più approfondito, grazie anche ai progressi negli strumenti scientifici, ha influito positivamente anche sulla salute dell’uomo (ad es. le tecniche per l’ispezione degli alimenti). Il mutamento “sostanziale” compiuto dalla Medicina Veterinaria nei secoli, attraverso lo sviluppo di nuove tecniche e tecnologie, è avvenuto parallelamente al mutamento “di forma” negli strumenti d’uso comune per l’esercizio della professione. Scopriremo questi cambiamenti grazie a un gioco di riconoscimento visivo che ci mostrerà l’evoluzione scientifica della professione veterinaria, sottolineandone i cambiamenti “formali” subiti nel tempo dai suoi utensili d’uso comune.

Contatti: Marco Rodolfo Galloni – marco.galloni@unito.it | Patrizia Peila – patrizia.peila@unito.it